Lettere d’amore alle biblioteche/2

Ricordate il nostro post sulle lettere d’amore alle biblioteche?

love-letters

Il famoso quotidiano inglese The Guardian, prendendo le mosse dal Book Week Scotland, ha lanciato un’interessante iniziativa per celebrare il valore delle biblioteche: dopo il tributo di personaggi famosi alle proprie istituzioni preferite, anche i lettori del quotidiano sono stati invitati a lasciare un proprio pensiero, nato da esperienze memorabili e profondamente formative.

Alcune “lettere” sono realmente emozionanti, e raccontano il rapporto umano, sentimentale, che le persone instaurano con i libri, le biblioteche e i bibliotecari.

Si scrive per esempio della gioia di avere uno spazio pubblico dove “essere bombardati” dall’intero mondo della letteratura, gratuitamente:

C’è una sorta di cameratismo in biblioteca. Escludendo l’occasionale, imbronciato scolaro costretto lì per un compito, tutti sono lì per scelta e per un interesse condiviso. […] Se il cioccolato è il cibo dell’amore, una volta ho visto qualcuno dare una reale lettera d’amore a una biblioteca. Un senzatetto davanti a me in coda per la scrivania ha consegnato ai bibliotecari una barretta di cioccolato formato famiglia. – Perché sono sempre felice di essere qui – ha detto, con la mano, fisicamente, sul cuore.”

Qualcun altro considera la biblioteca come un rifugio e una fonte d’ispirazione:

Ho scritto un libro là, che è stato appena pubblicato. La biblioteca mi ha dato un posto in cui lavorare, persone da cui essere circondato, e ciò che è più importante, scaffali pieni di libri da leggere quando stavo lottando per il mio. Le biblioteche non cercano di venderti qualcosa per soldi, cercano piuttosto di vendere l’idea che imparare è meraviglioso e che leggere è meraviglioso. A volte anche senza scopo o alcun obiettivo in mente, eccetto quello di perdersi nei libri.

Altri non riescono ad immaginare la propria vita senza di essa:

Non c’è niente come l’odore della biblioteca. Quella combinazione di legno, smalto e carta rilegata. E’ un profumo che mi riporta indietro nel tempo alla mia piccola biblioteca locale nel nord-est dell’Inghilterra. […] Ero il terzo di sette figli, non avevamo libri o dizionari in casa. Tutto quello che ho imparato è stato appreso dalla lettura di un libro preso in prestito. Con un piccolo biglietto blu di cartone potevo nascondermi nella mia camera ed esplorare mondi che non avrei mai conosciuto se non fossi stato in quella biblioteca. Essa mi ha dato una direzione, portandomi ad amare la lingua, la poesia e l’apprendimento. Sono ora un insegnante in grado di trasmettere questo stesso amore a un’altra generazione.”

L’amore quindi: per le parole, per lo stesso aspetto materiale del libro, per i mondi sconosciuti che esso ci dischiude. La biblioteca come “dreamscape”. Ma anche biblioteche che si reinventano:

Lewisham phone box

Amo questa biblioteca (la Lewisham Micro Library di Londra). La cabina telefonica è stata acquistata dalla Brockley Society e trasformata in una biblioteca. E’ gestita da volontari ed è incredibilmente ben frequentata. Aperta 24 ore al giorno, completamente gratuita. Come fa a non piacere?”

Noi invece vorremmo riportare qui il piacevole ricordo di due biblioteche americane, entrambe della cittadina di Davenport, in Iowa: una è la little free library al centro di un piccolo parco; la seconda, ben diversa, è la biblioteca della St. Ambrose University:

Vi abbiamo conosciuto lo scorso dicembre, dopo ben 18 ore di viaggio!! In una città sul grande fiume Mississippi, dove sembrava non esserci niente, tutta la nostra permanenza è stata concentrata sull’Università e la sua biblioteca, anche in virtù di quello che era il motivo per cui ci trovavamo lì. Indimenticabile è stata la cortesia di bibliotecari e professori; ci ha stupito l’orario notturno della biblioteca, sempre a disposizione degli studenti; ci ha meravigliato l’estrema valorizzazione di esemplari librari che noi considereremmo di minor valore. La little free library è capitata per caso…solitaria e così umilmente funzionale…aspettava pazientemente qualcuno, son capitati solo due turisti ignari ma eccentricamente felici!”

Little free library Davenport   LibrarySt. Ambrose University Library2

St. Ambrose University Library4   St. Ambrose University Library

Altre lettere d’amore le trovate a questo link.

E se volete invece anche voi condividere le vostre esperienze, non esitate!! Non saremo il The Guardian ma che importa?

Intanto, BUONA LETTURA!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...